Castel del Rio: il rischio è di non trovare un candidato sindaco contro Baldazzi

Castel del Rio: il rischio è di non trovare un candidato sindaco contro Baldazzi

Castel del Rio – Le amministrative 2016 sono alle porte anche nella cittadina alidosiana nella quale sta per terminare il primo mandato del sindaco ‘civico’, Alberto Baldazzi, che nel 2011 sconfisse l’avversario a targa Pd.

C’è da dire che in questi anni l’opposizione alidosiana si è fatta sentire poco o nulla: negli ultimi giorni, poi, il Pd imolese ha sancito un patto di alleanza proprio con Baldazzi. Una confusione totale nel partitone, visto che gli esponenti di opposizione, che a Castel del Rio fanno capo proprio al Pd, hanno dichiarato di non volere nessun accordo con il sindaco uscente. Fatto sta che, per ora, di alternative a Baldazzi proprio non se ne vedono. O forse è semplicemente prematuro parlarne, chissà. Fino ad oggi, comunque, nessuno (oltre a Baldazzi) si è proposto per guidare il Comune alidosiano.

Il “rischio”, se così lo vogliamo chiamare, è che a Castel del Rio si corra con una lista unica. Il che, effettivamente, non è un fatto proprio auspicabile sotto il profilo della democrazia. A parte qualche generica dichiarazione delle opposizioni e dell’ex assessore Barbara Maraia, che qualche tempo fa lasciò la giunta, nessuno è entrato nel merito dell’operato di Baldazzi.

In altre parole, se anche qualcuno volesse creare un’alternativa, proprio non si capisce su cosa si dovrebbe puntare per dimostrare una presunta “cattiva amministrazione” di Baldazzi. Anche l’opposizione di centrodestra sembra essere in qualche modo ‘sparita’, assorbita dallo stesso tessuto sociale alidosiano che è civico a tutti gli effetti.

Alessio Bertuzzi, ex candidato sindaco di centrodestra, è attualmente presidente della banda comunale. Carlo Marconcini, ex consigliere di opposizione, attualmente gestisce il chiosco comunale Shangrillà insieme al’amico di una vita, Lorenzo Lelli, ex segretario di circolo Pd ed ex assessore della giunta Cavini. Il capogruppo Pd in consiglio, Stefano Giovannini, è presidente e legale rappresentante dell’associazione Museo della Guerra, diretto dallo stesso sindaco Alberto Baldazzi.

Tutto ciò per dire che, sotto il profilo politico, appare oggi piuttosto difficile trovare a Castel del Rio qualcuno che voglia “spendersi” in qualità di candidato sindaco contro Baldazzi. Del resto Baldazzi le sue promesse le ha mantenute, evitando di trascinare Castel del Rio nell’iter della fusione con gli altri tre Comuni valligiani e facendo persino promettere al Partito democratico, che nel resto della Vallata professa i benefici del Comune unico, di non mettere i bastoni tra le ruote alla tanto cara autonomia alidosiana.

Baldazzi troverà un degno sfidante? Ci sta provando, in questi giorni, il consigliere imolese di “Insieme si Vince”, Andrea Zucchini, che da Palazzo Alidosi ha lanciato l’appello a giovani emergenti ad aderire al proprio movimento che vorrebbe “sbarcare” proprio in terra alidosiana. Ce la farà? Lo sapremo tra qualche mese.

Leggi anche

No posts were found for display

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>