Operazione trasparenza: Formula Imola non presenta appello. Vittoria di Insieme si Vince

Operazione trasparenza: Formula Imola non presenta appello. Vittoria di Insieme si Vince

IMOLA – Nel giorno in cui la Corte dei Conti rimprovera il Comune di Imola e pone l’attenzione dei magistrati contabili sulle grandi lacune nelle società partecipate, Insieme Si Vince, dopo aver vinto al TAR contro Formula Imola, apprende che la Società che gestisce l’autodromo non farà appello al Consiglio di Stato.

“Questa notizia conferma il successo della nostra operazione: la Sentenza del Tribunale Amministrativo Regionale ha dato ragione al nostro movimento Politico nella richiesta avanzata  in nome di una maggiore trasparenza nella gestione dell’autodromo”, commentano il presidente di ISV Andrea Zucchini e il consigliere Nicolas Vacchi.

Il Tar Bologna aveva accolto il ricorso di Zucchini sul presupposto che i Consiglieri comunali hanno diritto di ottenere dall’amministrazione tutte le notizie e le informazioni in loro possesso; ciò non in funzione della tutela di posizioni soggettive individuali, bensì allo scopo di consentire il proficuo esercizio del mandato democratico di proposta, verifica e controllo dei componenti delle assemblee elettive, nel pieno esercizio delle sue prerogative di controllo democratico (T.A.R. Lombardia, Milano, sez. I, 27 novembre 2014, n. 2834). Fermo restando che si è accertato che F.I. non è una società di diritto privato come sostenuto dalla stessa, ma una società di diritto pubblico non potendo trincerarsi dietro la formula della S.p.a., in quanto partecipata con preponderante capitale pubblico, della cui spesa deve dare conto.

“La vittoria al TAR è una vittoria di tutti noi di Insieme Si Vince e del presidente Andrea Zucchini che si era impegnato in questa battaglia in prima persona, coinvolgendo noi ed un pool di avvocati. La pronuncia dei giudici amministrativi dell’Emilia Romagna, pervenuto nelle scorse settimane, comporta un cambiamento di rotta sulle modalità di operare di Formula Imola”, prosegue Vacchi.

“La nostra battaglia è stata combattuta in nome dell’onestà e della trasparenza, ma soprattutto a tutela dei cittadini: era infatti stato inibito alla persona del Consigliere Comunale un diritto che spetta a pieno titolo a ogni persona che riveste un incarico pubblico: accedere agli atti”, rincara Zucchini.

E infine la stoccata a Formula Imola. “Resta inteso che oggi, come Consigliere Comunale e Presidente del Gruppo Consiliare ISV, non mi sono pervenuti i documenti richiesti. Certi della buona fede di Formula Imola e dei suoi amministratori, li invitiamo a farmi pervenire i documenti richiesti in precedenza da Zucchini, che poi renderò pubblici, proprio in forza di quella chiarezza per la quale quotidianamente lavoriamo”. conclude Vacchi.

Leggi anche

No posts were found for display

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *