Mappare i locali pubblici senza slot. Il progetto di Slotmob Imola. Appuntamento il 30 aprile con il primo flashmob sul Santerno

Mappare i locali pubblici senza slot. Il progetto di Slotmob Imola. Appuntamento il 30 aprile con il primo flashmob sul Santerno

IMOLA – “Lo Slot Mob partirà a Imola in piazza Matteotti sabato 30 aprile 2016. E’ un modo per “premiare” le virtù civili, e soprattutto fare cultura e opinione”. Questo si legge sulla pagina fb “Slotmob Imola” che porta anche nella Città sul Santerno l’evento in stile “flash mob” tutto dedicato al contrasto al gioco d’azzardo.

“Il dilagante e irrazionale affidarsi alla ‘dea fortuna’, sta creando nuove vittime, povertà e dipendenze. Si rovinano famiglie, si riempiono i centri di cura delle ASL, si arricchiscono le multinazionali del gioco d’azzardo e si crea un terreno fertile per l’azione della criminalità organizzata” – si legge sulla pagina facebook.

“Non stiamo più a questo gioco! – proseguono gli organizzatori -. Per questo vogliamo: Non aspettare i tempi, a volte troppo lunghi della politica, ed agire subito, e soprattutto insieme, dando vita ad uno slotmob, recandoci insieme a fare aperitivo in un bar che ha scelto la disinfestazione dalle slot e/o altri giochi d’azzardo. Curare il cattivo gioco con il buon gioco, che è sempre un bene relazionale, organizzando, in concomitanza dello slot mob, alcuni giochi”.

Lo Slot Mob partirà a Imola in piazza Matteotti sabato 30 aprile 2016. Un modo per “premiare” le virtù civili, e soprattutto fare cultura e opinione. “Renderemo la scelta di questi esercenti visibile ed imitabile, attraverso un marchio etico, il coinvolgimento della stampa, i social network ed il passaparola. Ci stiamo attivando per mappare le città e stilare un elenco di esercizi commerciali che sono già slot-free e di quelli che lo vorrebbero diventare”.

Il movimento Slotmob ha compiuto da poco due anni. In Italia sono oltre 120 gli eventi organizzati, frutto di reti di associazioni, di movimenti, di cittadini, che si sono mobilitati per dare un segnale alla propria città.

Il prossimo 7 maggio è previsto inoltre uno Slotmob a livello nazionale che mirerà a presentare un manifesto di democrazia economica, rimettendo in discussione l’intero sistema messo in piedi negli ultimi 20 anni in Italia. Nel nostro Paese, ribadiscono dal movimento, “il business dell’azzardo si fonda su concessioni pubbliche assegnate a aziende private che traggono enormi profitti dalla fragilità delle persone”.

 

Leggi anche

No posts were found for display

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>