L’eterno, monumentale degrado al Piratello…

L’eterno, monumentale degrado al Piratello…

Riceviamo e pubblichiamo da Francesco Grandi, presidente dell’Associazione Figli Spirituali ed Amici di Padre Luigi

Con riferimento al degrado” monumentale” del cimitero del Piratello, se qualcuno si fosse illuso di avere già visto il ” top” del peggio, dobbiamo purtroppo riportarlo con i piedi per terra: molto per terra…Ieri assieme ad un amico della associazione ci siamo recati a pregare sulla tomba di Padre Luigi Zoffoli, personalmente erano alcune settimane che non mi recavo al cimitero e siamo rimasti, ancora una volta, allibiti e disgustati dal degrado e dalla totale trascuratezza con cui viene tenuto. Erbacce e sterpaglie che invadono le tombe dei campi di terra fino a soffocarle: uno spettacolo da inferno dantesco.

Erbacce a quanto pare mai tagliate e lo testimonia il fatto che, in molti casi, si stanno seccando, facendo addirittura le spigarelle  da seme. VERGOGNA e ancora VERGOGNA!! Il comune di Imola e l’Assessora Annalia Guglielmi, chiedano scusa ai cittadini se ancora ne sono ancora capaci! Non sono bastate dunque le proteste e le sollecitazioni in questi anni di cittadini, forze politiche, associazioni di cittadini per convincere questa gente che serve un drastico cambio di passo. Come potrà un parente fare una visita a un proprio defunto, raccogliersi in meditazione e in preghiera, in mezzo ad una savana del genere? C’è da rimanere sgomenti.

Questa ignobile realtà, calpesta i più elementari valori umani e cristiani. Dove sono i cattolici che siedono in comune, sia quelli di maggioranza che di minoranza? Di fronte a tutto ciò nessuno si permetta di accampare scuse, perché qui giustificazioni plausibili non esistono.

Leggi anche

No posts were found for display

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>