Davvero Laura Pausini non ha pagato l’affitto dell’Ebe Stignani? Ecco come sono andate le cose…

Davvero Laura Pausini non ha pagato l’affitto dell’Ebe Stignani? Ecco come sono andate le cose…

IMOLA – Davvero Laura Pausini non ha pagato l’affitto del teatro Ebe Stignani nel quale si sono svolte le riprese del suo Xmas project? Ha davvero senso questa polemica scoppiata subito dopo la partenza della star di Solarolo dalla nostra Città?

A ben guardare evidentemente no visto che, nero su bianco, il Comune di Imola aveva siglato un accordo ben preciso che non sembra aver causato perdite alle casse comunali, anzi.

La Giunta comunale, lo scorso 20 settembre, ha concesso il patrocinio all’intero evento autorizzando la collaborazione con una manifestazione dal grande richiamo. La Gente Edizioni Musicali srl, dal canto suo, ha preso tutta una serie di impegni: la copertura di tutti i costi relativi all’organizzazione (allestimenti, pulizie, supporto tecnico, personale di vigilanza, facchinaggi, montaggi e smontaggi); oneri fiscali ed eventuali danni arrecati alla struttura (nella quale, si ricorda, sono entrati quasi 1000 fans); assunzione di responsabilità civile e penale per lo svolgimento dell’evento oltre alle responsabilità per l’incolumità dei partecipanti. Il Comune, inoltre, ha richiesto un ritorno d’immagine ben preciso vale a dire l’indicazione del luogo delle riprese (teatro Ebe Stignani) su tutto il materiale promozionale inerente il video, sui crediti e sui comunicati nonché la dicitura “collaborazione con la Città di Imola”.

Detto questo, è davvero un danno così grande aver concesso l’uso dell’Ebe Stignani dal 30 settembre al 5 ottobre e dei locali antistanti la platea dell’Osservanza per il 3 e 4 ottobre? Ai cittadini la risposta.

Leggi anche

One comment on “Davvero Laura Pausini non ha pagato l’affitto dell’Ebe Stignani? Ecco come sono andate le cose…”

  1. Mattia

    Non è un danno, è semplicemente una scorrettezza verso chiunque altro. Significa trattare in maniera diversa un soggetto solo perché garantisce un supposto ritorno d’immagine. Significa che se io potessi provare di garantire un ritorno di immagine di un certo livello, potrei non pagare l’affitto dei locali? Se esiste un regolamento e un tariffario vanno rispettati, indipendentemente da chi sia il soggetto richiedente il teatro

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>