Imola, addio Formula 1. Trattative con ACI per portare eventi internazionali in Autodromo

Imola, addio Formula 1. Trattative con ACI per portare eventi internazionali in Autodromo

Formula Imola S.p.A. e ACI comunicano che, con riferimento al ricorso proposto da Formula Imola nei confronti di ACI e Sias  avanti al TAR Lazio avente ad oggetto il diniego da parte della Federazione di avallare il contratto per l’organizzazione del GP Italia di F1 ad Imola anziché a Monza, nonché volto a rendere disponibili i fondi di Aci a beneficio di altri soggetti aventi diritto e non solo a favore di Sias,  all’udienza odierna, pendendo trattative tra le parti,  si è proceduto al rinvio della causa a data da destinarsi secondo i termini di legge”. Così si legge nella nota stampa che arriva in tarda serata da Formula Imola proprio nel giorno in cui si attendeva il pronunciamento definitivo da parte del TAR del Lazio sulla contesa tra Imola e Monza per ospitare la Formula 1 a partire dal 2017.

Dunque, addio sogno di ospitare nuovamente la Formula 1 a Imola: si preferisce dare il via a trattative con l’autorità sportiva nazionale per ospitare nel circuito eventi di carattere internazionale. Certo, dopo la presa di posizione di Selvatico Estense, che sembrava intenzionato ad andare avanti fino alla fine con il ricorso al Tar, questa decisione lascia l’amaro in bocca.

“Avendo preso atto della decisione da parte di FOM e FIA di procedere con la pubblicazione del calendario 2017, con l’inserimento del GP di Monza – commenta Uberto Selvatico Estense, presidente di Formula Imola – riteniamo siano venute meno le condizioni per le quali avevamo candidato il circuito Internazionale Enzo e Dino Ferrari di Imola a candidarsi come sede alternativa del GP d’Italia. Per sgombrare il tavolo da ogni polemica, ci preme comunicare che, a fronte delle nostre condivise richieste, stiamo discutendo con l’Autorità Sportiva Nazionale il riconoscimento di Imola quale sede protagonista di una serie di eventi internazionali alternativi. Tale apertura nei confronti di Imola, oltre che il riconoscimento dell’adeguatezza del nostro circuito, rappresenta un nuovo positivo percorso nei rapporti con ACI che auspichiamo possa generare soddisfazioni per entrambe le parti, nel rispetto della grande tradizione automobilistica italiana. Le monoposto rimangono comunque e sempre nel nostro DNA e ci auguriamo che tornino presto a sfrecciare lungo le rive del Santerno, pertanto rimaniamo a disposizione delle Autorità Sportive Nazionale ed Internazionale”.

“Superate le grandi incomprensioni che hanno caratterizzato i rapporti esistenti tra ACI e Formula Imola – conclude il presidente ACI Angelo Sticchi Damiani – ritengo giusto che, come Autorità Sportiva Nazionale, ci si adoperi per riportare ad Imola importanti eventi motoristici internazionali. Questo, naturalmente, come riconoscimento della lunga storia dell’impianto imolese, che per anni ha ospitato anche la massima formula dell’automobilismo internazionale”.

 

 

Leggi anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>