Alberi maleodoranti, il Comune li rimpiazza

Alberi maleodoranti, il Comune li rimpiazza

CASTEL SAN PIETRO TERME – Sono in corso in questi giorni due importanti interventi sul Verde Pubblico comunale, uno a Osteria Grande, su richiesta dei cittadini, e uno nel capoluogo, nell’ambito della riqualificazione di viale Terme.

 

A seguito di una raccolta firme tra i residenti della zona, l’Ufficio Ambiente si è attivato per trovare una soluzione ai problemi causati dagli esemplari femmina di Gingko Biloba presenti in via Bandiera e via Magnani a Osteria Grande. Queste piante producono semi particolarmente maleodoranti che, una volta caduti a terra, creano notevoli disagi; inoltre si concentrano in grandi quantità sui rami appesantendoli fino al punto di farli spezzare.

L’Ufficio Ambiente ha valutato l’ipotesi di mantenere le piante, provvedendo all’eliminazione periodica dei semi dalla pianta, ma si sarebbe trattato di un intervento estremamente oneroso e non conveniente nel medio lungo periodo. Visto che si tratta di alberi di dimensioni ancora abbastanza ridotte, si è ritenuto opportuno procedere all’eliminazione dei soli esemplari femmina, sostituendoli immediatamente con altri alberi (Fraxinus oxycarpa Raywood), più adatti per un viale con quelle caratteristiche. Così facendo, si otterrà un viale alberato con colorazioni autunnali estremamente suggestive: al giallo acceso dei Gingko, si alternerà il rosso scuro dei Frassini; inoltre verrà risolto il problema sollevato dai residenti, senza incidere, anzi risparmiando, sui costi di gestione nel medio lungo periodo.

 

Per quanto riguarda viale Terme, gli operatori interverranno nell’ultimo tratto, di fronte alla Chiusa.

E’ prevista l’eliminazione della siepe solo nel tratto su terreno comunale (il resto è proprietà privata), la sistemazione del terreno al fine di permettere futuri sfalci regolari, la sistemazione dei pochi alberi esistenti e la piantumazione di nuovi alberi: aceri campestri, aceri “autumn blaze” e frassini “raywood”, sempre per esaltare la colorazione autunnale.

In questo modo viene valorizzata un’altra zona importante del viale, con la previsione di eliminare appena possibile tutta la siepe, ormai in pessime condizioni vegetative ed invasa da infestanti, e di sostituirla con un filare di Pyrus calleriana “chanticleer”, come quelli già piantati di fronte alle Terme, in modo da ottenere un doppio filare particolarmente spettacolare nella stagione primaverile grazie all’abbondante fioritura bianca.

Leggi anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>