Autismo, la ricchezza di un mondo visto con occhi diversi

Autismo, la ricchezza di un mondo visto con occhi diversi

IMOLA – La forza del colore nella carta, la luce del sorriso nei loro occhi. C’è tutta la ricchezza di un mondo visto con occhi diversi nei lavori presenti nella mostra It’s Up To Blue – Adesso tocca al Blu, inaugurata questa mattina nella biblioteca comunale di Imola, in cui sono esposti disegni, elaborati grafici e fotografie di attività laboratoriali di e con bambini e ragazzi con sindrome dello spettro autistico. La mostra apre il programma di iniziative che da oggi fino al 3 aprile l’assessorato alla Scuola del Comune di Imola ha organizzato in stretta collaborazione con le Associazioni delle famiglie, l’Ausl, gli Istituti comprensivi 2, 5 e 7 e l’istituto superiore ‘Cassiano da Imola’, educatori e operatori sotto il titolo di “Imola in blu”, in occasione della  Settimana Blu per l’Autismo e della Giornata mondiale di consapevolezza dell’autismo (2 aprile).

“E’ una settimana molto importante per sensibilizzare sull’autismo e per stimolare la riflessione sul contributo che le diverse istituzioni, dal Comune all’Ausl alle scuole, insieme alle associazioni del settore offrono ai bambini e ai giovani con autismo e alle loro famiglie, per sostenere l’acquisizione di competenze mirate all’autonomia personale e sociale e all’inserimento nel contesto educativo e sociale” spiega Giuseppina Brienza, assessore alla Scuola.

 

In mostra pittura, teatro, musica – I lavori in mostra parlano da soli, senza bisogno di commenti. A volte c’è un titolo, come chiave di ingresso, ma poi il segno e il colore fanno tutto il resto. E’ il caso di “La vita ha mille strade, è una ruota panoramica continua!”, titolo di un lungo striscione di carta sul quale gli studenti del laboratorio condotto da Daniele Trombetti hanno disegnato il susseguirsi dei colori mentre a fianco un altro dagli effetti quasi psichedelici racconta “La regola del nero … poi i colori prendono vita …”. Ci sono lavori che sotto al titolo “Giochiamo con Mirò” aprono spazi imprevedibili alla fantasia, in un confronto appassionante fra il grande artista e i giovani studenti della primaria Sante Zennaro. A fianco, ecco grandi fogli pieni di case da aprire, incollate sopra come in un ‘calendario dell’Avvento”; più a lato le foto del laboratorio teatrale “Il minotauro”, messo in scena dalla primaria di Sasso Morelli. E poi la ricca carrellata dei disegni dei laboratori tenuti all’Istituto Paolini Cassiano, a partire dai suggestivi dipinti di Leonardo Ottoni, in arte Leo. Alla pittura ed al teatro si affianca anche la musica, come veicolo per far esprimere la creatività dei ragazzi. Così, a far da colonna sonora della mostra ci sono le musiche nate dal lavoro degli alunni e alunne che hanno partecipato al laboratorio ludico musicale curato da Alberto Martini. “Questa mostra aiuta ad aumentare la consapevolezza dell’abilità e del protagonismo di bambini e ragazzi con sindrome dello spettro autistico – sottolinea Elisabetta Marchetti, assessore alla Cultura -. Le meraviglie che ci possono regalare questi ragazzi e ragazze sono infinite, segno di una ricchezza del loro mondo che non sempre riusciamo a cogliere e che in questa occasione emerge con tutta la sua forza”.

La mostra rimarrà aperta fino all’8 aprile negli orari di apertura della biblioteca comunale.

 

I prossimi appuntamenti – Martedì 28 marzo, alle ore 17 e alle ore 18,30, a Casa Piani, letture animate e laboratori dal titolo E’ martedì e io no; mercoledì 29 marzo, alla biblioteca Book City alle 14,30 e alle ore 16, giochi per bambini e adulti dal titolo Tra il dire e il fare, per scoprire e sperimentare il mondo dell’autismo, con replica giovedì 30 marzo, alle ore 9,30 e 11,30 alla biblioteca di Sesto Imolese. Sempre giovedì 30, alle ore 20,30, nel nuovo Cinema Pedagna, verrà proiettato il film Il mio nome è Khan, del regista Kara Johar, che ci racconta la storia di Rizwan, un ragazzo affetto da sindrome di Asperger, le cui vita è stravolta dagli eventi dell’11 settembre 2001.

Sabato 1 aprile, dalle ore 10 alle ore 13, si svolgerà Le Associazioni in piazza, con le associazioni “Imola autismo. Anche Noi Ci Siamo” e “La Giostra” e il Dipartimento di salute mentale e dipendenze patologiche dell’AUSL che saranno in piazza Matteotti per presentare alla città le proprie attività a sostegno dei bambini e ragazzi con autismo e delle loro famiglie. Nel pomeriggio, dalle 14,30 alle 16, al Cisi (Centro Ippico Sportivo Imolese), in via Ascari 9, all’insegna di Andiamo a cavallo … insieme, sarà possibile visitare gli spazi e avere informazioni sui percorsi di ippoterapia e riabilitazione equestre; inoltre, dalle ore 15 alle ore 19,  vi sarà l’apertura straordinaria della sede del progetto Magicamente, al primo piano di Casa Azzurra (Sante Zennaro, via Pirandello 12), progetto del Dipartimento di salute mentale e dipendenze patologiche dell’AUSL di Imola, che accoglie adolescenti e giovani adulti con autismo ed altre disabilità, con un approccio di lavoro psicoeducativo.

Sabato 1 aprile e domenica 2 aprile, dalle ore 18,30 alle ore 22, Piazza Matteotti si colorerà di blu, con la proiezione di parole e immagini scelte dagli studenti dell’Istituto d’Istruzione Superiore  “Paolini Cassiano”.

 

Leggi anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>