ASP, traballa il consiglio di amministrazione? Linguerri punzecchia il Pd

ASP, traballa il consiglio di amministrazione? Linguerri punzecchia il Pd

IMOLA – Il tema è quello della riorganizzazione dei Servizi alla Persona e in particolare dell’Azienda che li gestisce. E a portarlo sui banchi del consiglio comunale di Imola saranno il civico di Fornace Viva, Romano Linguerri, e il consigliere di Imola migliore-Sel Giorgio Laghi.

Certo, l’accoppiata è politicamente “singolare”, e ancor più singolare il fatto che il Pd non abbia firmato la mozione insieme ai due rappresentanti della coalizione di maggioranza.

Il tema, infatti, è piuttosto spinoso: l’organo di gestione dell’Asp è ormai in regime di proroga da diverso tempo e gli enti locali avrebbero dovuto recepire le direttive della riforma entro il febbraio del 2014, trasmettendo alla Regione i relativi piani attuativi.

Con la mozione firmata da Laghi e Linguerri si fanno richieste particolarmente precise alla giunta: in primis, nessuna integrazione o aggregazione con la Città metropolitana di Bologna, al fine di mettere al riparo l’autonomia imolese. Ma anche procedere al riordino del sistema territoriale entro tre mesi per giungere a un nuovo modello di governance entro sei con un organo di gestione che preveda un amministratore unico oppure un consiglio di amministrazione di non più di tre componenti.

Tradotto, sembrerebbe di capire che si intenda mettere in discussione la “storica” figura politica dell’Asp, quella della presidente Gigliola Poli, già sindaco di Casalfiumanese e consigliera provinciale per il centrosinistra. E a traballare potrebbero essere anche gli altri incarichi dell’attuale cda : Vittorio Feliciani vicepresidente, Enrico Caprara, Angela Rambaldi e Maria Cristina Salomoni consiglieri.

Insomma, Linguerri e Laghi sembrano fare le pulci al Pd, chiedendo quel cambiamento doveroso nell’Asp di Imola prima dell’appuntamento elettorale del 2018.

Leggi anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>