Siccità, morìa di pesci nel Reno. Interviene la provinciale

Siccità, morìa di pesci nel Reno. Interviene la provinciale

BOLOGNA – Oltre tre quintali di pesci, soprattutto carpe e siluri, morti a causa “dell’anossia (mancanza di ossigeno, ndr) provocata dall’abbassamento del livello idrico, dovuto alla prolungata siccita’ e all’innalzamento della temperatura dell’acqua”. Questa la scena che si sono trovati davanti questa mattina, dopo aver risposto alla “segnalazione di numerosi cittadini”, gli agenti della Polizia provinciale di Bologna.

L’intervento, fa sapere la Citta’ metropolitana, e’ stato effettuato nell’area fluviale del Reno a Bologna, in prossimita’ di via Chiarini. Li’, oltre ai numerosi pesci gia’ morti, le guardie ne hanno trovati molti che “boccheggiavano in superficie”, e li hanno salvati ributtandoli in acqua. Al momento, precisa Palazzo Malvezzi, “si esclude come causa della morte dei pesci la presenza di sostanze inquinanti, visto che le acque erano limpide e il fenomeno si e’ verificato nei punti di maggior secca”. Da parte sua, il consigliere con delega alla Polizia provinciale, Marco Monesi, coglie l’occasione per “ringraziare i cittadini per la segnalazione”, e per “ricordare a tutti i fruitori delle aree fluviali e golenali quanto possa essere prezioso un avviso tempestivo alla Polizia provinciale: infatti- conclude Monesi- prima si interviene e maggiore e’ la possibilita’ di salvare la fauna che popola i nostri fiumi, e che inevitabilemente in questo periodo risente della penuria d’acqua”.

FONTE articolo e foto: AGENZIA DIRE

Leggi anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>