Alberi tagliati al Piratello, risponde il sindaco Manca

Alberi tagliati al Piratello, risponde il sindaco Manca

Il sindaco di Imola, Daniele Manca, risponde alla lettera della cittadina in merito al taglio dei 76 tigli lungo il viale del Piratello.

Gentile Signora,

innanzitutto grazie per avere scritto. Non confuterò le tesi di chi dice che “al sindaco queste cose non interessano” perché si commentano da sole. Però intendo dimostrare a lei che non è così.

Al sindaco sta a cuore la sua comunità, nella sua complessità, nella difficoltà quotidiana a conciliare desiderata e necessità, bene comune e interessi particolari. Mi creda: è un lavoro veramente tutt’altro che semplice.

Ora veniamo alla sua lunga, accorata lettera. Le faccio una domanda: lei a chi affiderebbe la cura del verde pubblico? Non è una domanda fine a se stessa, bensì la necessaria premessa per rispondere alle sue sollecitazioni.

Innanzitutto, noi abbiamo fatto una scelta: con BeniComuni prima, ora con Area Blu che ha incorporato BeniComuni, abbiamo deciso di occuparcene direttamente. Abbiamo deciso che la cura del verde è un servizio fondamentale, da non affidare ad esterni senza un’adeguata regia pubblica.

Poi ci vogliono i tecnici, ci vogliono le competenze cui lei si riferisce. Il Servizio Verde di Area Blu si avvale di professionisti del settore, periti agrari e laureati in scienze forestali, ciascuno con all’attivo corsi di specializzazione ed esperienza sul campo. Una squadra, dunque, capace di valutare le condizioni delle piante, in un’ottica più generale di gestione complessiva del patrimonio arboreo, tenendo conto di tutti i fattori, di salute, bellezza, sicurezza per i cittadini, quantità di verde che comporta sempre la sostituzione degli alberi abbattuti.

Venendo al merito del viale del Piratello, Area Blu ha comunicato per tempo l’operazione che si apprestava a realizzare, spiegando in maniera approfondita motivi e modalità d’intervento in una nota che le allego per comodità. Ha inoltre specificato un elemento fondamentale, che risponde alla sua domanda sulle competenze e sulla necessità di sentire altri pareri: l’operazione in corso è documentata in un’ampia relazione allegata alla richiesta di autorizzazione paesaggistica  regolarmente concessa dalla Soprintendenza ai Beni Ambientali (atto monocratico n. 140 del 19/6/2017).

A ottobre-novembre saranno dunque sistemate le nuove piante e, anzi, Area Blu sta lavorando a un progetto di forestazione urbana per mettere a dimora 5.000 nuovi alberi in varie parti di Imola, proprio perché si ritiene necessario aumentare il presidio verde della città.

Tanto dovevo, signora, alla civiltà e alla passione di cui la sua lettera è piena, per dirle che qui nessuno abbatte un albero a cuor leggero: il Comune è dei cittadini ed esercita le sue funzioni con il massimo scrupolo e valendosi delle professionalità migliori per i diversi settori di intervento. Se vorrà ulteriori delucidazioni su questa operazione, tuttavia, il personale dell’Unità Operativa Verde di Area Blu è disponibile a fornirgliele.

Nella speranza di essere stato sufficientemente esaustivo, la saluto cordialmente.

Daniele Manca

Leggi anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>