Ausl e Avis sperimentano l’apertura domenicale del Centro donazioni di sangue

Ausl e Avis sperimentano l’apertura domenicale del Centro donazioni di sangue

Il Centro raccolta sangue sperimenta l’apertura domenicale.

Sperimentare l’apertura domenicale del centro raccolta sangue, per una domenica al mese, per consentire di donare il sangue anche a chi, per motivi lavorativi, ha difficoltà a effettuare le donazioni infrasettimanali.  

Il progetto è nato da una proposta dell’Associazione Volontari Italiana Sangue (AVIS) sezione comunale di Imola e dal Centro Raccolta Sangue e Immunoematologia dell’Ausl di Imola e la direzione aziendale sanitaria che lo ha approvato partirà con la sperimentazione già dalla prossima domenica 8 ottobre.

“Il territorio imolese è caratterizzato da una forte sensibilità altruistica, come dimostrato dalla presenza di molte Associazioni di volontariato ed in particolare di AVIS, che può contare su più di 6000 donatori, il 5,3% degli abitanti del comprensorio che contribuiscono con circa 12.000 donazioni l’anno al soddisfacimento del fabbisogno regionale e nazionale – ha spiegato il Vice Presidente AVIS Comunale Imola Gianfranco Marabini -. Dare la possibilità ai donatori di compiere il loro gesto di solidarietà anche la domenica è da tempo il sogno nel cassetto di Avis Imola. Da sempre, il Centro raccolta sangue dell’Ausl di Imola, presso il quale convergono i donatori del comprensorio imolese, ha rispettato la chiusura domenicale, assicurando l’apertura dal lunedì al sabato. Il passaggio all’apertura domenicale una volta al mese non è stata semplice dal punto di vista organizzativo, ma grazie alla costante collaborazione che abbiamo con l’Ausl di Imola oggi vediamo realizzato il nostro sogno”.

 

Le aperture straordinarie domenicali necessitano infatti della presenza di 1 medico dell’Ausl di Imola, responsabile dell’attività e di 1 medico AVIS addetto alla selezione dei donatori, di due infermieri e di un tecnico di laboratorio. “Il calendario delle aperture domenicali del Centro Raccolta Sangue è già stato predisposto per l’ultimo trimestre 2017 e per tutto il 2018 – ha spiegato il Dr Pietro Fagiani, responsabile della struttura trasfusionale imolese –  Nel 2017 saremo aperti, oltre all’8 ottobre, anche domenica 12 novembre e domenica 17 dicembre, dalle 7,50 alle 10,20. Prevediamo di accogliere ogni domenica 30 donatori e 2 aspiranti donatori. E’ un progetto a cui, con AVIS, pensavamo da tempo e che persegue l’obiettivo condiviso a livello metropolitano e regionale di ampliare al massimo la possibilità di effettuare le donazioni di sangue con continuità. Per l’Azienda Usl di Imola un investimento di circa 10mila euro l’anno, per cui saranno utilizzati fondi vincolati del Centro raccolta Sangue”.

 

“Questa nuova opportunità va incontro soprattutto a quei lavoratori, spesso autonomi, che hanno difficoltà a programmare l’assenza dal lavoro, ma che hanno però la volontà di donare il proprio sangue a favore di persone che necessitano di trasfusioni – ha aggiunto Gianfranco Marabini – L’Avis di Imola, d’altra parte, ha da tempo provveduto ad un’organizzazione dell’atto donazionale che tenesse conto delle esigenze dei donatori. Al fine di avere una donazione sempre più consapevole e correlata alla necessità dei gruppi sanguigni, è stata avviata la prenotazione anche del sangue intero, con il risultato di un utilizzo del sangue più mirato e di una riduzione dell’attesa per i donatori. Sempre nell’ottica di favorire il più possibile la donazione, da poco più di un anno, l’Avis di Imola ha messo a punto un programma per la prenotazione on line, in considerazione che la maggior parte dei donatori ha accesso alla rete Internet. In questa fase è già possibile accedere al link  https://www2.ausl.imola.bo.it/AssoAvisAgenda/ per la prenotazione on line anche della donazione domenicale, ricordando che è bene che questa opportunità venga colta in particolare da chi non può donare negli altri giorni della settimana. Come spesso accade, i momenti di crisi sono forieri di accelerazioni a processi riorganizzativi e alla realizzazione dei sogni. Il 2017 è stato caratterizzato non solo per il grande caldo, ma anche per la mancanza di sangue in quasi tutte le Regioni Italiane, tanto da determinare in alcune di esse la sospensione di interventi non urgenti: recentemente l’infezione della Chikungunya, provocata dalla puntura della zanzara tigre, ha ulteriormente alzato il livello di guardia poiché in particolare nel Lazio e a Roma è stata sospesa la raccolta di sangue. La nostra regione non ha sofferto di queste problematiche, ma non ha potuto mantenere ai livelli di sempre la solidarietà verso le regioni carenti. Per questo siamo davvero lieti di annunciare insieme all’Ausl di Imola questa importante iniziativa”

 

Gli ultimi dati sulle donazioni di sangue e plasma sul territorio sono confortanti: nel primo semestre 2017 sono state raccolte 5759 donazioni di sangue intero (+2% rispetto allo stesso periodo 2016), mentre le plasmaferesi sono leggermente calate (-5%). “Presto avremo un rinnovo delle attrezzature per plasmaferesi che certamente ci permetterà di mantenere il dato di donazione del plasma ai livelli ottimali – ha aggiunto Fagiani – Ed è importante sottolineare che nel 2017 abbiamo avuto un aumento sensibile (+19%) degli aspiranti donatori: 477 cittadini si sono presentati per effettuare gli esami necessari per verificare l’idoneità alla donazione”.

 

CALENDARIO APERTURE DOMENICALI 2017/18 (in genere la seconda domenica del mese)

2017    
8 OTTOBRE  
12 NOVEMBRE  
17 DICEMBRE 3^ DOMENICA  
2018
14 GENNAIO  
11 FEBBRAIO  
11 MARZO  
8 APRILE  
13 MAGGIO  
10 GIUGNO  
9 SETTEMBRE  
14 OTTOBRE  
11 NOVEMBRE  
16 DICEMBRE    

 

Leggi anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>