Castel San Pietro comune cardioprotetto. On line la mappa dei 22 defibrillatori

Castel San Pietro comune cardioprotetto. On line la mappa dei 22 defibrillatori

E’ ben “cardioprotetto” il Comune di Castel San Pietro Terme, grazie a ventidue defibrillatori disponibili nelle strutture pubbliche sportive, scolastiche e istituzionali presenti in tutto il territorio. Concluso nei giorni scorsi un accurato censimento da parte dell’Ufficio Sport, da oggi nel sito www.cspietro.it sono pubblicati la mappa e l’elenco completo, con indirizzi e orari di apertura, dei luoghi dove si trovano questi importanti strumenti salvavita.

«Grazie alle ultime donazioni di fine 2017 siamo riusciti a completare la copertura e quindi a cardioproteggere tutte le strutture scolastiche e sportive del territorio usate quotidianamente dai bambini e dai ragazzi castellani – ha dichiarato il sindaco Fausto Tinti -. Crediamo che questo progetto vada oltre alla necessità di rispondere ad un obbligo normativo. Fin dall’inizio del mandato l’Amministrazione si è attivata per avere dei defibrillatori a servizio anche di strutture pubbliche molto frequentate (municipio, biblioteca), perché crediamo nel valore e nella cultura della sicurezza e della salute pubblica. Un ringraziamento particolare alle aziende e associazioni che hanno generosamente donato questi importanti strumenti salvavita, dimostrando una grande sensibilità al tema della prevenzione e della protezione. Credo che essere e fare comunità sia anche questo, dimostrare attenzione e farsi parte attiva». 

Dei ventidue defibrillatori, sedici sono collocati nel capoluogo e sei nelle frazioni. Partendo dal cuore della città, un defibrillatore si trova nel Municipio, nell’atrio dello Sportello Cittadino in piazza XX Settembre 3 e uno nella Biblioteca Comunale di via Marconi 29, quattro sono stati destinati alle palestre a servizio delle strutture scolastiche: primaria Sassatelli in via Machiavelli 117, media Pizzigotti in viale XVII Aprile 17, Istituto Alberghiero Scappi in viale Terme 1056 ed ex Alberghetti in via Tosi 7 (questa palestra al momento è inagibile per i lavori di sistemazione in corso e quindi il defibrillatore è temporaneamente depositato in Comune). Inoltre è dotata di un defibrillatore di sua proprietà anche la scuola paritaria Don Luciano Sarti in via Palestro 38. Gli altri defibrillatori del capoluogo sono disponibili nelle strutture sportive in via Viara – stadio comunale, campo da calcio Casatorre, campo da rugby -, e in quelle di viale Terme – pista di pattinaggio/campi di calcio a cinque, circolo tennis Casatorre, palasport Ferrari, piscina comunale -, e inoltre al crossodromo comunale che si trova sulle colline in via Tanari 7200, e al podere Zabina in via San Carlo 526, dove si svolgono attività di equitazione per bambini e ragazzi disabili. Tre defibrillatori sono disponibili a Osteria Grande (bocciodromo in viale Broccoli 60, campo sportivo in viale Bernardi 17 e palestra della scuola primaria Serotti in via Serotti 6), due a Poggio Grande (palestra scolastica/sala polivalente in via San Biagio 4180 e campo sportivo in via San Biagio 4190) e uno a Gallo Bolognese (campo sportivo in via Emilia Ponente 3510).

L’elenco con tutte le informazioni sui defibrillatori disponibili nel territorio comunale è stato fornito anche agli operatori sanitari del 118. Per tutti questi strumenti viene effettuata la manutenzione periodica prevista per legge.

«Il progetto defibrillatori prevedeva anche l’attivazione di corsi di formazione BLSD che sono stati realizzati dalle associazioni del territorio Croce Rossa e Pubblica Assistenza Pao.Lina – aggiunge il consigliere Andrea Bondi delegato allo Sport -. Rivolgo un sentito ringraziamento a queste associazioni per la disponibilità dimostrata a svolgere questi corsi, gratuitamente nel 2016 e a prezzi convenzionati nel 2017, permettendo di formare un importante numero di persone».

Nel 2016 un centinaio di persone fra operatori sportivi, dirigenti scolastici e insegnanti hanno seguito i corsi offerti gratuitamente da Croce Rossa e Pubblica Assistenza Pao.Lina, mentre nel 2017, con i corsi a prezzo convenzionato tenuti dalle stesse associazioni e finanziati con fondi comunali, sono stati formati una cinquantina di dirigenti sportivi e allenatori.

I defibrillatori collocati nelle strutture comunali sono stati donati dalle seguenti aziende, associazioni o cittadini (in ordine alfabetico): Anusca (per le palestre di Alberghiero, ex Alberghetti e Serotti), Arcadia (Podere Zabina), Avis di Castel San Pietro Terme (Municipio e campo calcio Casatorre), Danfoss-Turolla (palestra Sassatelli), Lions Club di Castel San Pietro Terme (Biblioteca capoluogo), Farmacia Sarti (campo sportivo di Poggio); famiglia Grilli (Circolo Tennis Casatorre), MedStep (stadio comunale), Osteria Grande Calcio (campo sportivo Osteria Grande), Polisportiva Osteria Grande (bocciodromo Osteria Grande), Rugby Castel San Pietro Asd (campo da rugby), Sfera (campo sportivo di Gallo Bolognese), Sogese (piscina comunale), Trascoop (Palasport Ferrari e Crossodromo), Pier Luigi Zanzi Montanari, agente assicurativo Assicurazioni Generali (palestra Pizzigotti). I defibrillatori al servizio della pista di pattinaggio/campi di calcio a 5 Casatorre e della palestra di Poggio sono stati acquistati direttamente dal Comune.

Leggi anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>