Imola, si è insediato il Commissario Adriana Cogode

Imola, si è insediato il Commissario Adriana Cogode

IMOLA – E’ la dott.ssa Adriana Cogode, Viceprefetto Vicario di Bologna, il commissario prefettizio designato per il Comune di Imola, a seguito delle dimissioni del sindaco Daniele Manca, che sono diventate definitive allo scoccare della mezzanotte scorsa.

Il commissario si è insediato questa mattina, in municipio, e gestirà l’ordinaria amministrazione del Comune, fino all’elezione del nuovo sindaco.

 

Entrata nella carriera prefettizia l’1 gennaio 1986, la dott.ssa Adriana Cogode vanta una approfondita esperienza nell’ambito dei rapporti con gli enti locali, nella gestione delle emergenze naturali e antropiche e nel settore dell’ordine e della sicurezza pubblica, maturata con diversi incarichi in varie zone d’Italia ed in diversi uffici della Prefettura.

Biografia.  Nata a Genova il 21 luglio 1958, coniugata, con due figli, Giulia e Paolo. Ha conseguito la maturità classica presso il liceo Classico Maurolico di Messina e la Laurea in Giurisprudenza presso l’Università degli Studi di Messina. Il 1° gennaio 1986 è entrata nella carriera prefettizia del Ministero dell’Interno, ed assegnata alla Prefettura di Sondrio con la qualifica di Vice Consigliere di Prefettura, dove ha ricoperto l’incarico di Vice Capo di Gabinetto, occupandosi in particolare di protezione civile, tossicodipendenza, ordine e sicurezza pubblica.

 

Nel 1990 è stata trasferita presso la Prefettura di Messina ed assegnata all’Ufficio di Gabinetto, dove ha svolto diversi incarichi pur occupandosi continuativamente della protezione civile.  Con  decorrenza 1 gennaio 2002 è stata promossa alla qualifica di Viceprefetto e dal 26 luglio 2010 nominata Viceprefetto Vicario della Prefettura di Reggio Emilia e dal 22 giugno 2016 nominata Viceprefetto Vicario della Prefettura di Bologna, dove attualmente è in servizio. Nel corso della carriera, ha assunto la dirigenza delle varie aree prefettizie, maturando esperienza nei diversi settori di attività di competenza del Prefetto, con particolare riguardo alle funzioni di governo in provincia, correlate alla sicurezza, al raccordo con gli Enti locali, alla protezione civile ed al coordinamento istituzionale. In tali ambiti ha collaborato con i Prefetti anche nello svolgimento di incarichi commissariali per la gestione di talune gravi emergenze. Tra queste, la realizzazione delle elisuperfici di emergenza e per il soccorso  nelle Isole Eolie nel ‘98,    l’Emergenza Rifiuti che ha interessato la Regione Siciliana dal 2000 al  2006 durante la quale ha coordinato il  Comitato Tecnico per la autorizzazione delle discariche e le varie attività procedurali amministrative concernenti la redazione e l’approvazione dei progetti, le conferenze di servizio, gli interventi di raccordo delle varie componenti istituzionali per le attività tecnico – operative.  Inoltre, nell’ambito delle attività previste  dall’Ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 5 Dicembre 2007 recante “Interventi urgenti di protezione civile diretti a fronteggiare l’emergenza ambientale determinatasi nel settore del traffico e della mobilità nella Città di Messina”, ha curato, su incarico del Prefetto – Commissario delegato,  il coordinamento degli interventi relativi alla realizzazione di due svincoli autostradali in Messina  (Giostra ed Annunziata) ed al potenziamento dell’efficacia operativa del Corpo di Polizia Municipale anche con l’assunzione di agenti a tempo determinato.

Sempre in ambito di gestioni emergenziali, nel 2008,  in qualità di Dirigente incaricato, ha coordinato il Comitato tecnico – operativo  istituito in Prefettura per la realizzazione degli interventi di sistemazione del porto in loc. Ginostra dell’Isola di Stromboli.

 

Nell’ambito delle funzioni attribuite ai Prefetti nel campo degli Enti locali, ha gestito quale Commissario straordinario i comuni di Castelnovo di Sotto (RE) nel 2013 e di Correggio (RE) nel 2014.

Particolarmente impegnata nel campo dell’antimafia e della prevenzione delle infiltrazioni mafiose nel settore degli appalti e nella gestione degli Enti Locali. A tale ultimo proposito è stata nominata componente nel 2007  della Commissione Straordinaria per la gestione del Comune di Castellammare del Golfo (TP), destinatario di provvedimento di scioglimento per infiltrazioni di tipo mafioso ai sensi dell’art. 143 del Decreto Legislativo 267/2000.

Nel  2015   nominata componente della Commissione di indagine per l’accertamento di eventuali fenomeni di infiltrazione mafiosa nell’apparato politico ed amministrativo del Comune di Brescello (RE), il cui Consiglio comunale, a seguito di detti accertamenti, con Decreto del Presidente della Repubblica, è stato sciolto.

Leggi anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>