M5stelle-Piazza Aperta. Il “contratto alla tedesca” è servito

M5stelle-Piazza Aperta. Il “contratto alla tedesca” è servito

IMOLA – Arriva a sorpresa (ma neanche tanto) l’apertura del Movimento 5 stelle all’associazione “Piazza Aperta” presieduta da Simone Righini, di area cattolica, e già presidente dell’associazione “Idee per la Città” (nella quale militavano anche il consigliere Pd Mario Peppi e l’ex assessore Ivan Vigna) e ancora presidente dell’associazione “Noi Imola” (che porta avanti temi sulla sanità imolese).

L’accordo, almeno stando a voci di corridoio e secondo quanto riportato nei giorni scorsi anche dal Corriere Romagna, dovrebbe consistere nell’ingresso di due rappresentanti dell’associazione Piazza Aperta all’interno della lista Movimento 5 stelle, tra cui proprio il presidente Simone Righini.

Certo, un pot pourri a cui non siamo abituati specialmente quando si parla di Movimento 5 stelle che, in fatto di candidature in lista, ha (o aveva) regole particolarmente stringenti. Per entrare in lista infatti bisogna essere iscritti e dimostrare di essere attivamente impegnati nel Movimento 5 stelle. Insomma, no alle candidature “last minute”.

Eppure potrebbe verificarsi proprio questo in seno al M5stelle locale pronto a firmare una sorta di “contratto alla tedesca” (se vogliamo dirla come Di Maio) con l’associazione Piazza Aperta. E c’è di più.

Il Movimento 5 stelle ha aperto a “piccole integrazioni e modifiche al programma” che così viene rimpinguato con le proposte di Piazza Aperta. La candidatura delle due persone di Piazza Aperta nelle file del Movimento sarà la garanzia “del programma condiviso”

“L’associazione Piazza Aperta può inoltre ricoprire il ruolo indipendente di garante verso l’intera cittadinanza del programma dei 5 stelle per Imola”, scrivono in una nota Righini e la candidata sindaco Manuela Sangiorgi.

Che all’interno del M5stelle si presentino dunque due persone “con ruolo indipendente” appare abbastanza singolare, quantomeno una novità. Per l’occasione, forse, dovrebbe arrivare anche una deroga alle regole base del Movimento.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *