West nile, sette casi segnalati nell’Azienda usl di Imola

West nile, sette casi segnalati nell’Azienda usl di Imola

Nel corso della settimana passata si sono registrati ulteriori casi sospetti di West Nile di residenti nel nostro territorio. Le indagini di laboratorio hanno confermato la positività al virus in altri 3 pazienti.

Un uomo di 64 anni di Molinella ricoverato nell’Ospedale di Imola;

un uomo di 56 anni di Medicina ricoverato all’Ospedale Sant’Orsola di Bologna;

una donna di 67 anni di Imola dimessa dall’Ospedale di Imola nella giornata di ieri.

Salgono quindi a 7 i casi segnalati nella nostra Azienda USL fino ad ora: 6 casi clinici e 1 paziente asintomatico individuato grazie alla positività riscontrata su una donazione di sangue. Ad oggi nessun caso critico.

L’infezione da virus West Nile (WNV), trasmessa all’uomo da zanzare del genere Culex (zanzara comune), decorre in modo asintomatico nella maggior parte dei casi, ma può anche presentarsi con febbre, cefalea, e altri sintomi lievi a risoluzione spontanea o, sporadicamente, manifestarsi con forme più gravi che interessano il sistema nervoso centrale (meningite, meningoencefalite). Il virus può essere pericoloso soprattutto in pazienti anziani o già debilitati.

Cogliamo l’occasione per ricordare alcune semplici regole precauzionali. La Culex si muove al crepuscolo e si consiglia ai cittadini di utilizzare repellenti efficaci, che vanno applicati sulle parti scoperte del corpo rispettando dosi e modalità riportate nelle istruzioni in etichetta. Per evitare le punture è consigliabile vestirsi di sera possibilmente con colori chiari, indossare pantaloni lunghi, maglie a maniche lunghe. In casa utilizzare zanzariere, condizionatori o apparecchi elettroemanatori di insetticidi liquidi o a piastrine (ma sempre con le finestre aperte).

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *