A Dozza ci sarà la “Passeggiata dell’Artista”

A Dozza ci sarà la “Passeggiata dell’Artista”

DOZZA – Sono iniziati i lavori di riqualificazione di Via Santa Anastasia, percorso panoramico che si affaccia sulla Valsellustra. In questi giorni si sta procedendo con l’installazione della nuova staccionata, robusta, dalla lunga durata. Si è scelto di utilizzare legno di castagno perché armonioso con il contesto e più durevole per resistere alle intemperie.

Successivamente, nel prossimo mese, verranno eseguiti alcuni piccoli ripristini anche con l’aiuto dei volontari comunali, quali ad esempio la sistemazione del fondo e delle panchine esistenti.

Verranno poi installati alcuni pannelli turistico-culturali a tema artistico. In particolare Via S. Anastasia, terza strada che percorre longitudinalmente il paese (oltre a Via XX Settembre e Via De Amicis), esterna alla cinta muraria, si caratterizzerà sempre di più come percorso panoramico a forte valenza attrattiva. I pannelli costituiranno infatti la “Passeggiata dell’Artista” e accompagneranno il visitatore lungo un percorso panoramico, perimetrale del borgo, alla scoperta di alcuni importanti artisti che hanno partecipato al Muro Dipinto e si sono occupati particolarmente del tema paesaggistico.

L’inaugurazione è prevista nel secondo fine settimana del 13/14 ottobre, in occasione delle giornate del FAI che interesseranno l’intero Borgo di Dozza.

 

“L’Amministrazione Comunale – sottolinea il Sindaco Luca Albertazzi – tiene molto a questo progetto di riqualificazione che recupera un contesto importante del borgo e allo stesso tempo gli attribuisce una importante valenza turistico culturale. Siamo felici di aver portato a termine questo rilevante intervento infrastrutturale che abbellisce ulteriormente il paese che, tra l’altro, sta riscoprendo una visibilità di livello nazionale. I lavori, complessivamente, dureranno fino a metà ottobre e consegneranno alla comunità una nuova attrattiva, ricca di significati. Ringraziamo fin da subito tutti coloro che hanno dato un importante contributo di idee piuttosto che economico al progetto come la Fondazione Cassa Risparmio Imola, la Fondazione Bertacchini e la Fondazione Dozza Città d’Arte.”

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *