Mirco Minguzzi pronto a entrare in classe senior

Mirco Minguzzi pronto a entrare in classe senior

L’ultimo appuntamento junior per l’atleta Usil Mirco Minguzzi, fratello minore dell’olimpionico Andrea, ha visto il giovane imolese scalare la classifica degli atleti juniores più forti del mondo, nella lotta greco romana classe 77 kg, pur senza ottenere una medaglia. Mirco è stato impegnato gli scorsi lunedì 18 e martedì 19 settembre all’interno del programma dei mondiali juniores di lotta greco romana in scena a settembre in Slovacchia, dove è stato impegnato fino alle finali per il bronzo.

“La lotta sulla materassina non è solo questione di preparazione fisica e di fortuna per i sorteggi – racconta a caldo il fratello Andrea Minguzzi, che ha contribuito alla preparazione del giovane Minguzzino durante tutto l’anno “sabbatico” dedicato alla lotta sportiva in vista degli ultimi appuntamenti juniores -. Mirco ha vinto un incontro e poi affrontato un lottatore indiano molto intelligente, che ha poi proseguito la propria scalata verso la medaglia. Dopo i ripescaggi, ha perso contro un norvegese forte che solo al termine di un match davvero tirato ha fermato la sua scalata verso la medaglia di bronzo. Anche se Mirco è tecnicamente molto bravo e forte, la preparazione non è tutto per vincere gli incontri sulla materassina”.

Con i mondiali juniores si chiude la carriera juniores di Mirco Minguzzi. Dalla prossima stagione agonistica 2019, infatti, l’imolese (prossimo ai venti anni) entrerà per età nella categoria senior. In programma prima il campionato italiano quindi, a seconda del risultato, le qualificazioni per le olimpiadi di Tokyo 2020.

“Ho voglia di riscatto”, ammette Mirco, prossimo a ricominciare una carriera fra i più grandi lottatori italiani, tutta da costruirsi da zero.

Nella sua ancora breve carriera, Minguzzino ha partecipato già agli Europei Jr e ai Mondiali Jr. Già da un paio di anni l’atleta fa inoltre parte dei lottatori che la federazione Fijlkam sta monitorando per le prossime Olimpiadi di Tokyo 2020.

Leggi anche

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *