Unitalsi e Ausl di Imola: una collaborazione decennale a favore dei malati

Unitalsi e Ausl di Imola: una collaborazione decennale a favore dei malati

IMOLA – Rinnovata la ultradecennale collaborazione tra l’Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali (Unitalsi) sottosezione di Imola ed Azienda Usl, che garantisce il trasporto di moltissimi pazienti in dialisi dal domicilio al servizio di nefrologia dell’Ospedale di Imola e viceversa.

“La novità della convenzione 2016”, spiega Carlo Kubinski, presidente della sottosezione di Imola di Unitalsi, “è che la nostra associazione, dati gli eccellenti risultati ottenuti in passato, aumenta il proprio impegno. Oltre a garantire il servizio di trasporto attraverso i propri autisti volontari, infatti, da quest’anno Unitalsi dedica a questa attività anche un proprio mezzo per il trasporto disabili, che negli anni precedenti era invece garantito dall’ASP”. L’Ausl di Imola provvederà al rimborso dei costi di assicurazione e di carburante, nonchè delle spese ordinarie derivanti dal funzionamento del mezzo.

“La convenzione con Unitalsi Imola è per noi preziosissima – spiegano gli operatori del Servizio Dialisi e i delegati locali dell’Associazione Nazionale EmoDializzati – Desideriamo ringraziare di cuore UNITALSI Imola e tutti i volontari per il costante impegno, mai venuto meno in oltre 10 anni di servizio ed ulteriormente rinnovato ed arricchito con la sottoscrizione di quest’ultima convenzione, che ancora una volta permette di fornire un fondamentale supporto alle persone in dialisi ed alle loro famiglie, per le quali il tragitto casa-ospedale-casa due o tre volte la settimana, costituisce un problema rilevante”.

 

Leggi anche

No posts were found for display

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>