Discarica, l’Arpa conferma: metalli pesanti nei pozzi spia e anche nelle aree adiacenti

Discarica, l’Arpa conferma: metalli pesanti nei pozzi spia e anche nelle aree adiacenti

IMOLA – I dati sulla contaminazione nei pozzi spia erano “rassicuranti”. Almeno secondo il presidente di ConAmi, Stefano Manara, e secondo Herambiente.

I dati Arpae, pubblicati oggi, invece, evidenziano numerose e preoccupanti criticità all’interno di quegli stessi pozzi spia nei quali il percolato non dovrebbe esserci e che era già stato trovato in ottobre. In questi pozzi, pare ci sia praticamente di tutto.

I campionamenti (carotaggi) hanno riguardato il suolo, le acque sotterranee e i pozzi spia: l’Arpae si è inoltre  servita di 10 piezometri adiacenti alle vasche di lagunaggio del percolato, 3 piezometri adiacenti al Rio Rondinella, 3 piezometri di “bianco” in area esterna al sito. Per tutti i campioni di suolo analizzati, non si sono registrati superamenti dei livelli di guardia: permane invece il problema nei pozzi spia.

Arsenico, Nichel e Solfati sono stati ritrovati in tutti i campioni dei pozzi tranne che in uno; nitriti sono stati ritrovati nei campioni di quattro pozzi; il pericoloso cromo esavalente nei campioni di due pozzi.

I piezometri interni alla discarica hanno fatto emergere sforamenti per arsenico, nitriti, solfati, nichel, boro, cromo esavalente, selenio, manganese; anche per i piezometri esterni sono stati riscontrati valori anomali per solfati, boro, manganese e nichel.

Tra l’altro le oscillazioni dei valori appaiono particolarmente importanti come sottolinea Legambiente: “Altro che ampliamento della discarica. Qui serve la messa in sicurezza e la bonifica. Pure fuori il sito di discarica. I nitriti in alcuni punti con limite a 500 sono a 32.000 (trentaduemila)Non superamenti ma situazioni fuori controlloOgni nostro commento è superfluo e scontato: aspettiamo quelli degli organi di controllo indipendenti imolesi e degli eletti del popolo che ci amministrano”.

 

 

Leggi anche

No posts were found for display

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>