Due sale del Museo diocesano riportate all’originario splendore

Due sale del Museo diocesano riportate all’originario splendore

Imola – Un nuovo spazio del Museo Diocesano di Imola (piazza Duomo 1) si apre alla città. Sabato 5 novembre alle 16 saranno infatti inaugurati i restauri della V e della VI sala dell’appartamento verde del Museo Diocesano di Imola.

L’intervento (reso possibile dal determinante contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Imola, della Fondazione Cassa di Risparmio di Ravenna/Banca di Imola, della Confartigianato Assimprese Bologna Metropolitana e della Cooperativa Clai) porta all’antico splendore le due sale di cui si compone l’appartamento verde o “al giardino”, completando così la sistemazione non solo dell’appartamento verde nella sua interezza, ma di tutti gli spazi al piano nobile del palazzo vescovile occupati dal Museo Diocesano (fondato nel 1962), che passano complessivamente da tredici a quindici unità.

Fu il cardinale Giacomo Giustiniani (vescovo di Imola dal 1826 al 1832) che fece aggiustare le retrocamere dell’appartamento nobile e fece anche eseguire lavori alle stanze degli ospiti verso il giardino, che portano nei soffitti il suo stemma. A lui si debbono le delicate tempere di gusto neoclassico, parte in policromia parte a monocromo, che ornano i soffitti delle sei sale dell’appartamento verde.

In questi due nuovi ambienti – recuperati con interventi mirati al rispetto dell’originalità delle strutture e delle decorazioni volute dal cardinale Giustiniani – saranno collocate le collezioni precedentemente ospitate nella Galleria dei ritratti (o Pio VII) e alcuni pregevoli arredi originali del palazzo. Mancando sino ad oggi uno spazio per mostre temporanee di pittura, le pareti di questi due nuovi ambienti sono state attrezzate appositamente per questo scopo.

A inaugurare le sale sarà l’architetto Domenica Primerano, direttore del Museo Diocesano Tridentino e presidente nazionale dell’Associazione Musei Ecclesiastici Italiani (Amei), di cui anche il Museo Diocesano di Imola fa parte. L’architetto Primerano parlerà del tema “Un museo per coltivare e custodire il giardino del mondo”, chiaro riferimento all’enciclica Laudato si’ di papa Francesco.

Leggi anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>