Bisogni educativi speciali: il Comune stanzia 2 milioni di euro

Bisogni educativi speciali: il Comune stanzia 2 milioni di euro

IMOLA – Il Comune stanzia ancora più risorse a sostegno degli alunni con disabilità e con bisogni educativi speciali. Per l’anno scolastico 2016/2017, ammontano infatti ad oltre 2 milioni di euro i fondi che l’Assessorato alla Scuola ha stanziato per gli interventi ed i progetti loro rivolti, dai nidi a tutti gli ordini di scuola, dall’infanzia alle secondarie di secondo grado, sia statali che paritarie. Con un incremento del 4,7% rispetto all’anno scolastico 2015/2016.

Si tratta di progetti ed interventi realizzati dal Servizio Diritto allo Studio del Comune per oltre 1.676.000 euro, a cui si aggiungo altri 119.115,82 euro che il Servizio stesso ha destinato al trasporto scolastico ed ulteriori 271.500 euro previsti direttamente dal Servizio infanzia del Comune.

“Queste scelte sono state guidate da una grande sensibilità e tradizione che vengono da lontano – commenta Giuseppina Brienza, assessore alla Scuola -. Sono il frutto di una cultura del buon governo, che ad Imola e nei nostri territori è rivolta soprattutto al sociale, alla scuola ed ai più bisognosi, oltre che della consapevolezza di quanto sia fondamentale garantire pari opportunità agli studenti più in difficoltà”.

 

Gli alunni con disabilità interessati al servizio educativo-assistenziale – Gli alunni con disabilità interessati al servizio educativo-assistenziale al momento dell’avvio di questo anno scolastico  sono 212, cioè 13 in più dello scorso anno. Sono state previste 62.420 ore di interventi educativi individuali, 8.295 ore di attività assistenziale e 875 ore di interventi di mediazione sensoriale. A questi vanno aggiunti € 25.024 assegnati a scuole site al di fuori del territorio metropolitano per il sostegno alla frequenza di studenti residenti nel comune di Imola. Questi interventi saranno declinati per ogni bambino ed alunno, in base ad un progetto individualizzato, in un percorso integrato che vede la messa in campo di  risorse didattiche ed educative per sostenere e contribuire allo sviluppo delle potenzialità e capacità di ognuno.

La programmazione degli interventi educativi è inoltre integrata ed arricchita dalla proposta dei  laboratori di integrazione scolastica (lab ID), che costituiscono un’ulteriore opportunità di esperienza ed integrazione per i bambini e ragazzi con disabilità che frequentano le scuole primarie e secondarie di 1° grado, e per loro compagni. Così 125 bambini con disabilità, assieme ai loro compagni di classe, avranno accesso ai laboratori di abilità sociali, cucina, ludico-comunicativo, ludico-musicale, ludico-teatrale e al laboratorio “Andiamo a cavallo”, svolto in collaborazione con il Centro Ippico Sportivo Imolese. Questi laboratori, condotti da educatori esperti, costituiscono un’occasione per tutti coloro che vi partecipano, in condizione di disabilità o meno, di fare esperienze ed attività piacevoli ed utili a scoprire e rafforzare le risorse e le capacità di ognuno, a ricevere da parte di tutti un aiuto nel proprio percorso di crescita.

Agli Istituti Comprensivi sono anche destinati 6.173,82 euro per l’acquisto di materiali e sussidi didattici specifici.

 

Interventi a sostegno delle scuole e delle famiglie – In considerazione dei risultati più che positivi ottenuti negli scorsi anni scolastici, il Comune di Imola ha inoltre confermato  l’impegno ed il finanziamento  per gli interventi finalizzati a sostenere le scuole e le famiglie nell’attuazione dei percorsi di personalizzazione, motivazione, sostegno al metodo di studio necessari a garantire il successo formativo anche a quegli studenti che si trovano nelle più diverse situazioni di difficoltà e/o svantaggio sociale, culturale o con disturbi inerenti la sfera degli apprendimenti.

In questo ambito è confermato lo “Sportello gratuito di consulenza psico-educativa per i disturbi specifici di apprendimento (DSA) e le difficoltà di comportamento”, che nel corso del 2015/16 ha preso in carico 68 situazioni di bambini e ragazzi nell’area DSA e 64 in quella delle difficoltà del comportamento, mentre 62 sono stati gli studenti delle scuole superiori che hanno usufruito dello Sportello attivato nella propria scuola. E’ inoltre confermato anche il progetto “Anch’io imparo”, che prevede la realizzazione negli Istituti Comprensivi di attività e laboratori psico-pedagogici ed educativi rivolti ad alunni con Bisogni Educativi Speciali. Questo progetto, che nel corso del 2015/16 ha coinvolto 137 allievi delle scuole secondarie di 1° grado, sostiene gli studenti che incontrano e manifestano importanti difficoltà nei processi di apprendimento, tali da metterli a rischio di insuccesso scolastico, attraverso la  creazione di uno spazio, un ambiente di apprendimento innovativo per le metodologie proposte, nel quale è offerto un supporto per l’acquisizione di un metodo di studio appropriato al proprio stile di apprendimento, alle proprie potenzialità e difficoltà, allo svolgimento dei compiti ed al raggiungimento di un alto grado di autonomia sia scolastica che extra-scolastica.

Questi interventi sono resi possibili anche grazie ai contributi erogati dalla Fondazione S. Maria Goretti e dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Imola , tramite il CISS/T.

 

Con l’avvio di quest’anno scolastico in tre Istituti, precisamente l’IC 3, l’IC 4 e l’Istituto d’Istruzione Superiore Paolini Cassiano prenderà inoltre avvio la sperimentazione della modalità organizzativa denominata “Educatore d’Istituto. Questa modalità prevista e promossa dal nuovo testo di “Accordo di programma per l’inclusione scolastica e formativa dei bambini, alunni e studenti con disabilità”, in fase di approvazione in ambito metropolitano, consente di rendere disponibili e stabili per le scuole le risorse messe a disposizione dall’Amministrazione comunale ampliando la possibilità di utilizzo anche per alunni con bisogni speciali.

 

Trasporto scolastico personalizzato – Sempre per l’anno scolastico in corso, il Servizio Diritto allo Studio destina 119.115,82 euro al servizio di trasporto scolastico personalizzato per alunni con disabilità.

 

Interventi diretti del Servizio infanzia del Comune – Infine, per l’anno scolastico 2016/17, il Servizio infanzia del Comune ha previsto direttamente 271.500 euro per interventi aggiuntivi finalizzati all’integrazione dei bambini con disabilità frequentanti i nidi e le scuole dell’infanzia comunali.

Leggi anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>