Degrado al cimitero di Sesto Imolese, problema da risolvere subito

Degrado al cimitero di Sesto Imolese, problema da risolvere subito
Riceviamo e pubblichiamo dal consigliere di Forza Italia Nicolas Vacchi
Il cimitero di Sesto Imolese versa in condizioni di discutibile decoro e sicurezza.
I vialetti che collegano l’intero complesso funerario sono completamente dominati da erbacce e sterpaglie che crescono indisturbatamente nei corselli di ghiaia.
Il cimitero di via Ladello viene quotidianamente visitato da Sestesi ed altri imolesi che hanno le loro origini ed i loro cari defunti in questo complesso sul versante sud del fiume.
Diversi assidui frequentatori mi hanno comunicato che la mattina presto con l’inizio della stagione autunnale sono costretti di fatto a presentarsi davanti alle loro tombe con degli stivali alti fino al ginocchio al fine di evitare di bagnarsi e imbrattarsi fra le erbacce.
Come se non bastasse, l’accesso storico dava sulla strada e data la pericolosità del medesimo si è da decenni instaurato un accesso laterale più sicuro e in fronte al quale è  adibito un vasto parcheggio. Per ragioni che sono sconosciute al sottoscritto e a chi mi ha segnalato la faccenda, in esso è presente un lastrone di asfalto completamente divelto dal suolo. Abbiamo scattato alcune immagini che sicuramente consegneró al sindaco Manca che spero possa dedicare tempo anche alle frazioni imolesi e non solo al Lungofiume “Dem”  di questi giorni.
Se per le erbacce basterebbe una più frequente attenzione alla cura dei vialetti, per quanto si trova nel parcheggio l’intervento straordinario è  necessario ed immediato al fine di mettere in sicurezza l’intera area, nella quale vetture, biciclette o pedoni rischiano di infortunarsi.
Segnaleró alla giunta queste problematiche, soprattutto la più urgente inerente la sconnessione e la rottura dell’asfalto nel parcheggio del cimitero, al fine di risolvere immediatamente tale problematica.
L’incolumità dei vivi è importante così come il rispetto dei defunti. Manca e la Guglielmi battano un colpo.

 

Leggi anche

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>